Il segreto della musica – CAPITOLO XIX

Animi feriti

Altri due lunghi mesi della mia vita sono ormai fuggiti, come un destriero che galoppa al tramonto, alla volta di verdi praterie sconosciute. Fino a qualche tempo fa, avrei sfruttato i miei momenti di pausa per rilassarmi, ma purtroppo, ora come ora, non poso più farlo. Due mesi fa, è infatti venuta alla luce mia figlia Destiny, la quale purtroppo, ha fatto il suo ingresso nel mondo trovando davanti a sé un impervio cammino da percorrere. Difatti, lei non è una bambina come le altre, poiché nata in condizioni critiche. La piccola, soffre di una grave malattia cardiaca. Il suo giovane cuore è davvero troppo debole, e ogni battito potrebbe letteralmente essere l’ultimo. Per questa ragione, Julius  ed io passiamo ogni notte a preoccuparci per lei, avendo cura di non perderla mai di vista. Difatti, lasciamo sempre che dorma al nostro fianco, in modo da riuscire a monitorare costantemente il suo battito cardiaco. Per qualche strana ragione, ogni volta che Destiny inizia ad avere problemi a respirare a causa della sua malattia, sembra che Julius sia l’unica persona in grado di riuscire a calmarla, ristabilendo così la sua condizione fisica. Tale avvenimento, mi avvilisce, poiché significa, secondo il mio pensiero, che non sono una brava madre. fortunatamente, Julius è sempre pronto a risollevarmi il morale. Lui stesso, mi ha infatti rivelato un segreto, che ha avuto la fortuna di imparare da sua madre. Secondo lo stesso, le figlie femmine sembrano essere maggiormente recettive verso i padri, mentre il contrario vale per i maschi. Le sue parole sono di gran conforto per me in questo momento, poiché mi fanno capire quanto nostra figlia Destiny sia legata a noi. L’unica pecca è che anche amandola, non saremo mai in grado di sconfiggere il male che la affligge dalla nascita. Ad ogni modo, questo non significa che Destiny non potrà condurre una vita piena e normale, e voglio davvero sperare che un giorno, in un futuro non troppo lontano, mia figlia possa riuscire a sconfiggere questo male. I giorni passano, ma la mia speranza a riguardo non accenna ad affievolirsi. Essendo i suoi genitori, Julius ed io abbiamo fatto una promessa. Infatti, faremo tutto ciò che è in nostro potere per riuscire a salvarla. Anche se la malattia di cui soffre è davvero grave, sono fermamente convinta dell’esistenza di una cura. Julius ed io siamo fiduciosi, e vogliamo quindi continuare a sperare. Ora come ora, gli animi di tutti noi sono feriti, e le ferite all’interno degli stessi sanguinano copiosamente. Ad ogni modo, siamo entrambi sicuri di una cosa. Il dolore che ora proviamo, verrà lentamente sostituito da una sensazione di indescrivibile felicità. Un giorno, tutti noi avremo cura di voltarci indietro, per poi scoprire che tutte le difficoltà che siamo stati costretti ad attraversare, non erano altro che ardue sfide proposte dalla vita stessa, che è costellata di gioie e dolori. Inoltre, come ho avuto l’onore e la fortuna di imparare a mie spese, se la vita ci presenta una difficoltà, la stessa non è altro che un percorso preparatorio, ossia un trampolino di lancio verso una gioia perfino più grande. La vita stessa, risulta a volte essere la più dura delle insegnanti, poiché somministra il proprio esame ancora prima di spiegare la lezione che va inevitabilmente, e anche per vie traverse, imparata. Ad ogni modo, quello che davvero mi sorprende riguardo a mia figlia Destiny, è la sua grande determinazione, unita al suo attaccamento alla vita. Ho avuto modo di riconoscere questa sua qualità il giorno della sua nascita. Non appena ha fatto il suo ingresso in questo mondo, così crudele e al contempo benevolo, non ha osato emettere neppure un singolo vagito, limitandosi semplicemente ad aprire gli occhi. Sin da quando è nata, ha avuto cura di dimostrare la sua forza d’animo. sfortunatamente, solo ora mi rendo conto che questa sua forza si sta lentamente esaurendo. Julius ed io, ci sentiamo letteralmente divisi in due. I nostri cuori e le nostre menti sono impegnati in un diverbio senza fine, poiché speriamo in una pronta guarigione da parte di Destiny, ma allo stesso tempo siamo consapevoli del fatto che è letteralmente troppo debole e malata per riuscire a salvarsi. Vista la situazione, Julius ed io non possiamo fare altro che volgere il nostro speranzoso sguardo al cielo e pregare, sperando in un vero e proprio miracolo, capace di lenire le il dolore presente nei nostri fragili animi feriti.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *