16 anni: Io e le mie scelte – CAPITOLO XXV

Di nuovo insieme

Ho finalmente deciso di perdonare Jackson riguardo al suo tradimento, avendo compreso che ne era sinceramente pentito. Ora che siamo di nuovo insieme e posso tornare a fidarmi di lui, entrambi possiamo dedicarci completamente alla nostra vita come una famiglia completa. La mia vita è davvero molto migliorata da quando ho deciso di perdonare Jackson. Non sono più triste né arrabbiata, anzi sono davvero felicissima. Quando mi aveva lasciata e tradito con la mia acerrima nemica Ashley, ricordo di essermi sentita malissimo. Ero sempre triste, scoraggiata e giù di tono, cosa che ora è cambiata, da quando stiamo di nuovo insieme. Adesso la famiglia può dirsi di nuovo rinsaldata e completa. Perfino le bambine sembrano essere felici della cosa. Difatti, quando scoprii del tradimento di Jackson, era come se la mia tristezza e il mio sconforto si trasferissero  a loro. Credevo che fossero troppo piccole per capire come ci si sente in momenti del genere, e invece non era affatto così. Difatti, erano spesso tristi e giù di morale anche loro. Non avevano voglia di giocare, non riuscivano a dormire, e quando le tenevo in braccio, iniziavano a piangere senza un apparente motivo. La motivazione dei loro pianti però, era abbastanza evidente. Ad Emily ed Elizabeth mancava il loro papà. Inoltre, adesso che io e Jackson siamo di nuovo una coppia, riusciamo a dividerci molto meglio fra i vari impegni che avevamo, essendo genitori di due bambine. Il tempo continua a passare, e le bambine continuano a crescere. Ora hanno sei mesi, e rendono sia me che Jackson, molto orgogliosi. Vederle crescere ed imparare giorno per giorno, è a dir poco meraviglioso. Il loro sviluppo sta procedendo bene, senza alcun tipo di problema. Al contrario, con l’andar del tempo, imparano nuove cose, e ora che sono cresciute, cominciano a preferire altri tipi di giochi. Al posto dei peluche, per esempio, iniziano a distrarsi utilizzando le costruzioni, giocando a palla, o con le loro bambole. Inoltre pur avendo soltanto sei mesi di vita, oggi, mentre stavo mettendole a dormire nelle loro culle, hanno entrambe pronunciato la loro prima parola. Infatti, prima che lasciassi la loro cameretta in modo tale da permettere che si addormentassero, incredibilmente, hanno iniziato a chiamarmi, ma non con i soliti pianti e le solite lacrime, bensì, chiamandomi mamma per la prima volta in vita loro. Le bambine avevano appena sei mesi, e quindi, il fatto che avessero già pronunciato la loro prima parola, mi aveva davvero sorpreso. Normalmente i bimbi imparano a parlare, o dicono e prime parole, al compimento del primo anno d’età, ma questo non era affatto il loro caso. Ho spesso sentito parlare di bambini prodigio, ma non avrei mai potuto pensare di essere madre di due bambine di questo genere. Ovviamente, sono felice del fatto che abbiamo pronunciato la loro prima parola, chiamandomi mamma, sono semplicemente sorpresa della cosa. Non credevo che sarebbe successo così presto, ma era così, ed io non lo vedevo come qualcosa di negativo, anzi, era l’esatto contrario. Emily ed Elizabeth sono due bimbe sane e attive, che amano scoprire il mondo che le circonda, e che vista la loro dolcezza e tenerezza, riescono a farsi amare da tutti. Per quanto riguarda la mia relazione con  Jackson, ci siamo lasciati per due settimane dopo che scoprii che mi aveva tradita, ma ci siamo subito rimessi insieme, perché stavamo male l’uno senza l’altra, eravamo entrambi tristi, addolorati ed apatici. Ci mancavamo molto. Noi due ci amiamo, ed è per questo che ho deciso di perdonarlo ed accettarlo di nuovo nella mia vita. Dopo ciò che avevo passato a causa sua, tuttavia, non volevo farlo, ma dopo che lui mi comunicò il suo grande pentimento, mi sciolsi come neve al sole, ascoltando il mio cuore e decidendo quindi di perdonarlo senza esitazione alcuna. Noi due siamo entrambi molto felici di essere tornati insieme, dopo due settimane di lontananza l’uno dall’altra. Io e Jackson ci siamo conosciuti durante il liceo, ed è tutto iniziato in modo normale. Scherzavamo, passavamo il tempo assieme e ci divertivamo come amici, e più il tempo passava, più la nostra amicizia si saldava, diventando sempre più forte, fino a sfociare in amore vero e proprio. Stare insieme, in compagnia l’uno dell’altra, era molto bello, e stando insieme ci divertivamo, e prima che ci fidanzassimo all’età di sedici anni, il divertimento che ne  derivava, ci spingeva a ripeter l’esperienza.Ecco il perché del nostro fidanzamento e del nostro voler diventare una coppia fissa. Onestamente, quando l’ho conosciuto, non avrei mai pensato di innamorarmene fino a tal punto, ma su alcune cose, come è d’altronde risaputo, non si può avere controllo. Così, il mio cuore ha avuto la meglio sulla mia mente, e mi sono subito innamorata, scoprendo poi, che il mio sentimento era peraltro ricambiato dallo stesso Jackson. Entrambi, siamo legati da un sentimento veramente profondo, indissolubile, ci amiamo con tutto il cuore, ci vogliamo un bene dell’anima, e sappiamo entrambi che ciò che proviamo non subirà mai alcun cambiamento. La nostra storia d’amore, malgrado una brusca e involontaria interruzione, dura da quasi cinque anni, e nessuno dei due vuole che finisca senza alcun motivo. Quando si ama una persona, si tende a volerci passare più tempo, divertircisi e ad evitare che venga maltrattata o ferita e proteggerla, proprio come io e Jackson facciamo l’uno con  l’altra. Se mi vede triste, mi si avvicina, e me ne chiede il perché, cercando subito di risollevarmi, riuscendoci tutte le volte. Lo stesso accade se sono io a vederlo triste. Io sono una persona molto sensibile, e non mi va proprio di vedere né lui né nessuna delle persone che conosco, giù di morale o scorate, poiché la cosa finisce spesso per far sentire male anche me. Questo è il semplice motivo per cui cerco sempre di far sì che Jackson sia felice, sorrida e non sia triste. Cinque anni fa, io e lui abbiamo ufficializzato il nostro fidanzamento, ma dopo ben cinque anni passati con lui, oggi, all’età di ventun anni, ho capito cos’è che voglio realmente. Finalmente mi sento pronta, e sento che è davvero arrivato il momento di dire a Jackson la verità. In cinque anni, ne abbiamo passate davvero tante, fra risate, pianti e alcune volte anche arrabbiature, e ora so di volere che lui diventi l’uomo della mia vita. Desidero sia la persona con cui passare il resto della mia vita stessa, in modo da non permettere più alla tristezza di assalirmi, venendo invece rimpiazzata da molteplici attimi di immensa gioia da condividere con lui.
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *