16 anni: Io e le mie scelte – CAPITOLO XXII

Sviluppi positivi

Come era inevitabile, un’altra settimana se n’è andata, finendo e lasciando il posto all’inizio di una nuova. Oggi, mi ritrovo a dover seguire scrupolosamente la mia solita routine giornaliera, che consiste nell’alzarmi presto, aspettare che le bimbe si sveglino, dar loro da mangiare, far loro il bagnetto, vestirle, e dopodiché, lasciare che si divertano con i loro giocattoli nel salotto di casa. Il tempo sta passando, e sia Emily che Elizabeth stanno crescendo. Infatti, proprio oggi, compiono un mese. Sono letteralmente stupefatta. È incredibile pensare che sia già passato un mese dalla loro nascita, eppure è così. Come tutti i bambini, andando avanti con la crescita e l’età, imparano ogni giorno nuove cose, e questo mi rende davvero orgogliosa di loro. Mi piace pensare che ogni giorno di vita sia per loro un viaggio alla scoperta dell’ignoto. Con l’andar del tempo, imparano a scoprire il mondo che le circonda e a modo loro, affrontarlo. Imparare, è per i bambini la base della crescita, poiché è proprio imparando che capiscono com’è fatto il mondo attorno a loro, affrontando e superando le sfide che giorno per giorno vengono proposte loro. A proposito di scoperte quotidiane, proprio ieri è successa una cosa che mi ha davvero reso felice ed incredula al tempo stesso. Sembrava essere un giorno come ogni altro, per una famiglia come la nostra, e infatti tutto stava filando liscio. Emily ed Elizabeth stavano tranquillamente giocando sul tappeto del salotto. Io ero con loro, ma non volevo interromperle, così mi limitai ad osservarle. Proprio mentre guardavo, mi accorsi che uno dei giocattoli preferiti di Elizabeth, un orsacchiotto di pezza, per essere precisi, le era accidentalmente scivolato di mano, cadendo per terra e finendo proprio sotto al divano. Alla bambina, ci vollero alcuni secondi per guardarsi attorno e realizzare che il suo giocattolo era sparito. D’improvviso, notai che stava per mettersi a piangere, e per evitare che accadesse, feci per alzarmi dalla poltrona dove ero seduta con lo scopo di raccoglierlo e restituirglielo, ma mi bloccai alla vista di quel che accadde subito dopo. Difatti, Emily cominciò di sua completa iniziativa, a gattonare verso il divano, fino a raggiungerlo, e riprendere l’orsacchiotto della sorellina, incastrato sotto quel pezzo d’arredo. Ma non era affatto finita lì, infatti, una volta raccolto da terra quel giocattolo, Emily ricominciò a gattonare, stavolta verso la sorella. Quando finalmente la vidi raggiungerla, assistetti al loro primo gesto d’affetto l’una verso l’altra. Emily restituì il giocattolo alla sorellina, che stava ancora piangendo, convinta di averlo perso per sempre, ed Elizabeth si calmò di colpo, accettandolo, e stringendo la piccola Emily a sé. La scena alla quale avevo appena assistito, era stato qualcosa di davvero incredibile. Insomma, hanno entrambe appena compiuto un mese d’età, ma non avrei mai potuto pensare che già a un mese, fossero capaci di gesti di questo genere. L’intera scena, mi lasciò stupefatta. Tutto lasciava presagire che il loro sviluppo cognitivo sarebbe proseguito su questa linea, sicuramente, continuando a crescere, avrebbero continuato ad imparare. Si poteva definirel’inizio di una catena di sviluppi positivi. Infatti, durante quella giornata, ci fu un’altra svolta positiva. Infatti, quel giorno, Jackson mi diede la notizia che aspettavo da tempo. Dopo innumerevoli tentativi, era finalmente riuscito a trovare un lavoro come medico nell’ospedale dove erano nate le nostre bambine. Quando me lo disse, non riuscii a crederci, continuavo a guardarlo incredula, non riuscendo davvero a capacitarmi della velocità con cui fosse riuscito a trovare lavoro. Ad ogni modo, quella era la verità, e io ne ero felice, perché sapevo che finalmente la nostra vita come una vera famiglia sarebbe potuta iniziare così come avremmo voluto. Finalmente avremmo potuto iniziare a vivere una vita completamente nuova, proprio come una famiglia. Certo, lo eravamo già, ma per iniziare a dovere la nostra vita familiare, l’unica cosa che mancava, era un lavoro stabile, con il quale avremmo potuto provvedere  al mantenimento dell’intera famiglia. Ora come ora, io credo, spero e desidero, che questo concatenarsi di sviluppi positivi, continui senza interrompersi né spezzarsi mai.
Please follow and like us:

4 thoughts on “16 anni: Io e le mie scelte – CAPITOLO XXII

  1. My wife and i got now joyous when Emmanuel could deal with his analysis by way of the ideas he came across out of your blog. It is now and again perplexing just to be handing out procedures that some others may have been selling. And we all take into account we have got you to appreciate for this. Those explanations you made, the easy web site menu, the relationships your site aid to engender – it’s everything overwhelming, and it is helping our son and us consider that this matter is pleasurable, which is highly important. Thank you for all the pieces!

  2. A lot of thanks for all of your efforts on this web site. Betty loves managing investigation and it is obvious why. My partner and i know all concerning the dynamic method you render sensible things through this website and even strongly encourage contribution from other individuals about this idea plus my child is truly understanding a great deal. Take advantage of the remaining portion of the year. You’re performing a tremendous job.

  3. Thank you a lot for giving everyone a very superb chance to discover important secrets from here. It’s always so terrific and jam-packed with amusement for me and my office co-workers to search the blog at a minimum three times every week to read the latest tips you will have. And of course, I am also always happy with all the effective things you serve. Selected two facts in this post are in fact the finest I’ve ever had.

  4. I want to express my appreciation to the writer just for bailing me out of such a scenario. After scouting through the world-wide-web and obtaining principles which are not powerful, I believed my life was over. Living minus the solutions to the problems you’ve fixed through your main report is a crucial case, and ones that would have badly affected my career if I hadn’t come across the blog. Your own personal natural talent and kindness in touching all the things was crucial. I’m not sure what I would’ve done if I had not discovered such a solution like this. I can at this point relish my future. Thanks for your time so much for the impressive and sensible help. I will not think twice to refer your blog post to anyone who needs to have support on this situation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *